Avvertenza di rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. L’90% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo broker. Valuta se comprendi come funzionano i CFD e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.
Avvertenza di rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. L’90% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo broker. Valuta se comprendi come funzionano i CFD e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

Informativa sul rischio

La presente informativa è redatta in conformità con il disposto della legislazione pertinente e della legge 87(I)/ 2017 a cui Forextime Limited (la società) è sottoposta.

1. Avvertenza di rischio

  1. È opportuno che i clienti auspicati studino molto attentamente le seguenti avvertenze sul rischio. Ricordiamo che non comunicheremo né spiegheremo qui tutti i rischi e altri aspetti significativi connessi all'uso di strumenti finanziari (inclusi i contratti per differenza, di seguito denominati “i CFD”). Il nostro intento è quello, piuttosto, di riassumere, in via generale, la natura dei rischi che caratterizzano il trading di strumenti finanziari in modo imparziale e non fuorviante. La società esegue ordini in relazione ad uno o più strumenti finanziari, principalmente CFD su forex, CFD su materie prime, CFD su metalli spot, CFD azionari e CFD su indici. La società agisce in qualità di “principal” o “principal” senza rischi, in cui funge da unica sede di esecuzione per l’esecuzione degli ordini dei clienti relativi ai CFD.
  2. I CFD sono prodotti finanziari complessi e non adatti a tutti gli investitori. I CFD sono prodotti assoggettati a leva che scadono quando viene chiusa una posizione in essere. Investendo in CFD, ci si assume un alto livello di rischio ed è possibile subire la perdita dell’intero capitale investito.
  3. A meno che il cliente non conosce e comprende pienamente i rischi insiti negli strumenti finanziari, sarebbe auspicabile non dedicarsi ad alcuna attività di trading. I clienti non dovrebbero rischiare più di quanto sono disposti a perdere. Prima di richiedere l’apertura di un conto di trading presso l’azienda o di effettuare un ordine, i clienti dovrebbero considerare lo strumento finanziario più adatto alle proprie circostanze e risorse finanziarie. Se un cliente è incerto o non comprende i rischi legati al trading di strumenti finanziari, raccomandiamo di consultare un consulente finanziario indipendente. Se dopo aver parlato con un consulente finanziario indipendente dovessero rimanere dubbi circa i rischi connessi al trading, suggeriamo di astenersi del tutto da qualsiasi attività di trading.
  4. L'acquisto e la vendita di strumenti finanziari implica un significativo rischio di subire perdite e danni: ogni cliente deve essere consapevole che il valore dell'investimento può sia aumentare, sia diminuire. I clienti sono personalmente responsabili di ogni eventuale danno e perdita subiti, che possono essere pari all’intero capitale investito una volta presa la decisione di iniziare a fare trading.

2. Accettazione dei rischi

Rischio tecnico
  1. La società pone una notevole importanza sull’esecuzione degli ordini dei clienti e mira sempre ad offrire la più rapida esecuzione possibile, entro i limiti tecnologici e di comunicazione esistenti. Il cliente è responsabile dei rischi di perdite finanziarie causate dalla mancanza di informazioni e comunicazioni, o dal malfunzionamento dei sistemi elettronici e di altri sistemi. Ad esempio, il cliente può impartire istruzioni al telefono per modificare o chiudere una posizione. Il cliente è responsabile della sicurezza dei suoi dati di accesso. Se il cliente effettua transazioni su un sistema elettronica (piattaforma di trading), lo stesso sarà esposto ai rischi associati al sistema, incluso il malfunzionamento hardware e software (internet/server). Ad esempio, si potrebbe verificare un ritardo sulla piattaforma dell’azienda in fase di ricezione dell’ordine, e questo potrebbe avere ripercussioni sul prezzo di esecuzione. Di conseguenza, i malfunzionamenti del sistema potrebbero far sì che l'ordine non venga eseguito conformemente alle istruzioni impartite dal cliente o che non venga eseguito affatto. La società non si assume alcuna responsabilità in caso di simili malfunzionamenti.
  2. Durante le attività di trading attraverso il terminale del cliente, il cliente è responsabile dei rischi di perdite finanziarie causate da:
    • malfunzionamento o utilizzo improprio di hardware o software del cliente o della società;
    • connessione internet instabile dalla parte del cliente o della società, o da parte di entrambi. Inoltre, si possono verificare interruzioni o blackout di trasmissioni, malfunzionamento del sistema elettrico, attacchi hacker, e sovraccarico di connessioni;
    • impostazioni errate nel terminale del cliente;
    • ritardi negli aggiornamenti del terminale del cliente;
    • violazione, da parte del cliente, delle regole descritte nella guida utente del terminale del cliente e nel sito internet della società.
  3. Il cliente prende atto che, in momenti di flusso di mercato eccessivo, potrebbe incontrare difficoltà nel contattare telefonicamente un dealer, in particolare in caso di mercato segnato da movimenti rapidi (per esempio, quando vengono diffusi importanti indicatori macroeconomici).
Condizioni di mercato anomale
  1. Il cliente prende atto che, in caso di condizioni di mercato anomale, l'esecuzione di istruzioni e richieste potrebbe richiedere più tempo del consueto.
Piattaforma di trading
  1. Il cliente prende atto che è consentito avere una sola richiesta o istruzione in coda. Una volta che il cliente ha inviato una richiesta o un'istruzione, qualsiasi ulteriore richiesta o istruzione inviata dal cliente verrà ignorata e apparirà il messaggio "L'ordine è bloccato" finché la prima richiesta o istruzione non verrà eseguita.
  2. Il cliente prende atto che l'unica fonte affidabile riguardante il flusso delle quotazioni è quella della base quotazioni del server live/reale. Le quotazioni indicate dal terminale del cliente non rappresentano una fonte affidabile, perché la connessione tra il terminale del cliente e il server potrebbe interrompersi e alcune delle quotazioni potrebbero semplicemente non raggiungere il terminale del cliente.
  3. Il cliente prende atto che, una volta chiusa la finestra di apertura/modifica/cancellazione dell'ordine o la finestra di apertura/chiusura della posizione, l'istruzione o la richiesta è stata già inviata al server e non potrà essere cancellata.
  4. Nel caso in cui il cliente non abbia ricevuto il risultato dell'esecuzione delle istruzioni inviate in precedenza e decida comunque di ripetere l'istruzione, il cliente accetta il rischio di effettuare due transazioni invece di una. Tuttavia, il cliente potrebbe ricevere il messaggio "L'ordine è bloccato", come indicato al punto 5.
  5. Il cliente prende atto che, se l'ordine condizionato è già stato eseguito e il cliente invia contemporaneamente l'istruzione di modificarne il livello, e di modificare i livelli degli ordini If Done (ordini in 2 passaggi, con il secondo ordine condizionato all’esecuzione del primo), l'unica istruzione che verrà eseguita è quella di modifica dei livelli di stop loss e/o take profit relativi alla posizione aperta quando si è attivato l’ordine condizionato.
Comunicazioni
  1. Il cliente accetta il rischio di perdite finanziarie causate da una qualsiasi comunicazione dalla società ricevuta in ritardo o non ricevuta affatto.
  2. Il cliente prende atto che le informazioni non cifrate trasmesse tramite email non sono protette da accessi non autorizzati.
  3. Il cliente è unico responsabile per i rischi connessi a messaggi non recapitati all'interno della piattaforma di trading, inviati al cliente dalla società, dal momento che essi vengono automaticamente eliminati entro 3 (tre) giorni solari.
  4. Il cliente è unico responsabile della riservatezza delle informazioni ricevute dalla società e accetta il rischio di perdite finanziarie causate dall’accesso non autorizzato di terze parti al conto di trading del cliente.
  5. La società non si ritiene responsabile nel caso in cui terze parti, autorizzate e non autorizzate, accedano a informazioni, inclusi indirizzi di posta elettronica, comunicazioni elettroniche, dati personali e dati d'accesso, trasmessi alla società o a terzi, attraverso internet o altri mezzi di comunicazione di rete, telefono o altri mezzi elettronici.
Cause di forza maggiore
  1. Il cliente accetta il rischio di perdite finanziarie per cause di forza maggiore.

3. Avviso di rischio per prodotti forex e strumenti derivati

  1. Questo avviso non intende indicare tutti i rischi e altri aspetti significativi insiti nel forex e negli strumenti derivati, come i contratti per differenza. Il cliente non dovrebbe trattare tali prodotti a meno che non sia in grado di comprendere la loro natura e l'estensione della sua esposizione al rischio. Tali prodotti sono rischiosi e richiedono un monitoraggio su base regolare (specialmente in presenza di una leva elevata e/o mercati volatili). I clienti devono assicurarti che il prodotto sia adatto a loro, alla luce delle rispettive circostanze e posizioni finanziaria. Alcune strategie, come una posizione "spread" o uno "straddle", potrebbero presentare lo stesso livello di rischio delle semplici posizioni lunghe o corte.
  2. Sebbene il forex e gli strumenti derivati possano essere utilizzati per la gestione del rischio d'investimento, alcuni di questi prodotti non sono adatti a diversi investitori. I clienti non dovrebbero fare trading direttamente o indirettamente con strumenti derivati, a meno che non si conoscano e comprendano i rischi connessi e il fatto che è possibile perdere tutto il capitale. Ogni strumento implica un diverso livello di esposizione al rischio e, nel decidere se investire o meno in questi strumenti, il cliente deve tenere a mente i seguenti punti:
Effetto della leva
  1. Nel trading in marginazione, anche movimenti di mercato contenuti possono avere un grande impatto sul conto di trading del cliente. È importante notare che tutti i conti sono soggetti all’effetto della leva. Il cliente deve inoltre considerare che, se il mercato si muove nella direzione opposta a quella prevista dal cliente, lo stesso può subire la perdita totale dei fondi depositati. Il cliente è responsabile di tutti i rischi, le risorse finanziarie utilizzate e la strategia di trading adottata.
  2. Si consiglia vivamente ai clienti di mantenere un livello di margine (percentuale della proporzione patrimonio - margine necessario, che viene calcolata come patrimonio / margine necessario * 100%) non inferiore al 1000%. Raccomandiamo, inoltre, di impostare uno stop loss per limitare le potenziali perdite e un take profit per prendere i benefici se si è nell'impossibilità di gestire le proprie posizioni aperte.
  3. Il cliente è responsabile di tutte le perdite finanziarie causate dall'apertura di una posizione utilizzando il margine libero temporaneamente in eccesso su un conto di trading, ottenuto come risultato di una posizione profittevole (eliminata in seguito dalla società) aperta ad una quotazione erronea (spike) o a una quotazione ricevuta a causa di un errore manifesto.
Strumenti ad alta volatilità, movimenti di prezzo e significato di slippage
  1. Alcuni strumenti vengono scambiati in ampi intervalli intraday con alta volatilità dei prezzi. Il cliente deve quindi tenere a mente che è presente un alto rischio di perdita e di profitto. Il prezzo degli strumenti finanziari derivati è determinato dal prezzo dell'asset sottostante a cui lo strumento si riferisce (come valute, azioni, metalli, indici, ecc.). Gli strumenti finanziari derivati e i mercati correlati possono essere altamente volatili. I prezzi degli strumenti e degli asset sottostanti possono variare ampiamente e rapidamente, e possono riflettere eventi o mutamenti delle condizioni imprevedibili, nessuno dei quali può essere controllato dal cliente o dalla società. In certe condizioni di mercato, potrebbe essere impossibile eseguire un ordine del cliente al prezzo dichiarato, con conseguenti perdite. I prezzi degli strumenti e dell'asset sottostante possono essere influenzati, tra le altre cose, da modifiche nei rapporti di domanda e offerta, programmi e politiche governative, agricole e commerciali, da eventi politici ed economici nazionali e internazionali e dalle caratteristiche psicologiche prevalenti del mercato rilevante. Perciò, gli ordini stop loss non possono garantire il limite della perdita.

    Il cliente prende atto e accetta che, a prescindere da qualsiasi informazione offerta dalla società, il valore degli strumenti può variare sia in senso positivo che in senso negativo, e che sussiste la possibilità che il valore dell'investimento possa raggiungere lo zero. Queste variazioni sono causate dal sistema di margine applicabile a tali operazioni, che solitamente implica un deposito o margine modesto in relazione al valore totale del contratto. A tale proposito, anche un movimento relativamente piccolo del mercato sottostante può avere un effetto sproporzionatamente devastante sulla posizione del cliente. Se il movimento del mercato sottostante è a favore del cliente, il cliente può ottenere un buon profitto, mentre un movimento di mercato, altrettanto impercettibile ma avverso alla posizione del cliente, non solo può velocemente causare la perdita dell'intero deposito del cliente, ma può anche esporre a perdite ulteriori considerevoli.

  2. A questo punto è opportuno far riferimento allo slippage, che normalmente si verifica durante periodi di elevata volatilità. Lo slippage è quando un trader vede eseguito un ordine ad un prezzo differente dal prezzo previsto per l’operazione. Vi sono due tipi di slippage, uno positivo e uno negativo. Lo slippage positivo si verifica quando il prezzo viene eseguito ad un livello migliore rispetto a quello richiesto, mentre uno slippage negativo è esattamente la situazione opposta. Pertanto il cliente deve considerare i possibili rischi e/o situazioni avverse che potrebbero derivare. Lo slippage può avvenire su tutti i conti e tipi di ordini offerti e con tutti i metodi di esecuzione.

    Si informa che nel caso in cui si verifichi uno slippage sul mercato, gli ordini verranno eseguito al prezzo successivo disponibile in caso di esecuzione a mercato. Si verifica una riquotazione dell’esecuzione istantanea (nei casi in cui il prezzo richiesto non è disponibile, il prezzo attualmente disponibile verrà inviato al cliente per confermare l’esecuzione, e il cliente dovrà accettare esplicitamente il prezzo riquotato prima dell’esecuzione) quando si entra o esce dal mercato con un conto Standard o Cent.

  3. In generale, la volatilità di mercato può influenzare il prezzo, la velocità e il volume. Pertanto, l’attività di trading durante condizioni di volatilità, ovvero in corrispondenza di notizie e pubblicazioni di dati importanti, è estremamente rischioso, dal momento che i criteri di “best execution” (miglior esecuzione) non sono applicabili, come indicato sul nostro sito, e l’esecuzione sarà sempre fornita al primo prezzo disponibile.
Liquidità
  1. Alcuni asset sottostanti potrebbero non diventare immediatamente liquidi come conseguenza di una domanda inferiore dell’asset sottostante. Il cliente potrebbe non essere in grado di ottenere informazioni sul valore di questi o sulla portata dei rischi associati.
Contratti per differenza
  1. I CFD disponibili al trading tramite la società sono transazioni spot non trasferibili, che offrono l'opportunità di ottenere profitti sfruttando i tassi di cambio delle valute, o i prezzi di materie prime, indici di borsa o azioni, chiamati "strumento sottostante". Se il movimento dello strumento sottostante è a favore del cliente, lo stesso può ottenere un buon profitto, ma un movimento equivalente e avverso può portare non solo a perdere velocemente l'intero deposito del cliente, ma anche al pagamento di commissioni aggiuntive e altre spese. Il cliente non deve quindi transare CFD, a meno che non sia disposto ad assumersi il rischio di perdere l’intero capitale investito e/o pagare commissioni aggiuntive e altre spese.
  2. Investire in un contratto per differenza comporta gli stessi rischi dell'investire in un future o in un'opzione, rischi che abbiamo descritto precedentemente e di cui il cliente dovrebbe essere a conoscenza. Le transazioni in contratti per differenza possono anche comportare una passività potenziale, delle cui implicazioni, riportate di seguito, il cliente deve essere a conoscenza.
Transazioni fuori borsa in derivati
  1. I CFD su forex, i CFD su materie prime, i CFD su metalli spot, i CFD azionari e i CFD su indici sono transazioni fuori borsa. Il cliente prende atto che le transazioni effettuate in CFD con l’azienda non sono effettuate su una borsa riconosciuta, ma over the counter (OTC), e pertanto potrebbero esporre il cliente a rischi superiori rispetto a quelli di transazioni effettuate su una borsa regolamentata. Mentre alcuni mercati fuori borsa sono molto liquidi, le transazioni in derivati fuori borsa o non trasferibili potrebbero comportare un rischio maggiore rispetto agli investimenti in derivati in borsa, dal momento che non esiste un mercato in cui chiudere una posizione aperta. Potrebbe essere impossibile liquidare una posizione esistente, calcolare il valore di una posizione derivante da una transazione fuori borsa, o stimare l'esposizione al rischio. Non è necessario quotare i prezzi bid e ask e, quand'anche bid e ask siano quotati, i prezzi saranno stabiliti da chi negozia tali strumenti, rendendo difficile, di conseguenza, stabilire quale sia un prezzo equo.
  2. Riguardo alle transazioni in CFD su forex, CFD su materie prime, CFD su metalli spot, CFD azionari e CFD su indici con l’azienda, la stessa utilizza una piattaforma di trading per le transazioni su CFD che non rientra nella definizione di borsa riconosciuta, dato che questo non è un sistema multilaterale di negoziazione e pertanto non comporta la stessa protezione offerta da borse riconosciute.
Mercati esteri
  1. I mercati esteri comportano vari rischi.Su richiesta, la società deve fornire una spiegazione dei rischi rilevanti e delle protezioni (se esistenti) applicabili ai mercati esteri, inclusa la responsabilità che la società è disposta ad assumere per l’insolvenza di un'impresa estera attraverso cui opera.Il potenziale di profitto o perdita derivante da transazioni su mercati esteri o su contratti denominati in valuta estera sarà influenzato dalle oscillazioni dei tassi di cambio.
Transazioni di investimento con passività potenziali
  1. Le transazioni di investimento con passività potenziale, che implicano un margine, richiedono che il cliente faccia una serie di pagamenti rispetto al prezzo d'acquisto, invece di pagare l'intero prezzo immediatamente. Il requisito di margine dipenderà dall'asset sottostante dello strumento. I requisiti di margine possono essere fissi o calcolati a partire dal prezzo corrente dello strumento sottostante. Informazioni più dettagliate si possono trovare sul sito della società.
  2. Nel trading di CFD, il cliente potrebbe subire la perdita di tutti i fondi depositati per aprire e mantenere aperta una posizione. Se il mercato si muove contro il cliente, lo stesso potrebbe essere chiamato, con breve preavviso, a pagare una consistente somma aggiuntiva per mantenere aperta la posizione. Se il cliente non dovesse provvedere entro la scadenza indicata a depositare i fondi richiesti, la posizione potrebbe essere liquidata in perdita e il deficit risultante sarà a carico del cliente. Si ricorda che la società non ha alcun dovere di informare il cliente di qualsiasi richiesta di margine a supporto di una posizione in perdita.
  3. Anche se non è richiesto un margine, la transazione potrebbe comunque implicare l'obbligo di operare ulteriori pagamenti in determinate circostanze, oltre la somma pagata al momento dell'apertura del contratto da parte del cliente.
  4. Le transazioni di investimento con passività potenziale che non sono scambiate su una borsa di investimento riconosciuta e a ciò preposta o non sottostanno alle regole della stessa potrebbero esporre il cliente a rischi considerevolmente più alti.
Garanzia
  1. Se il cliente effettua un deposito di denaro presso l’azienda come garanzia, il trattamento del deposito varierà a seconda del tipo di transazione e di dove viene effettuata. Questo può comportare notevoli differenze nel trattamento della garanzia, a seconda che il cliente stia investendo in una borsa riconosciuta e autorizzata come borsa di investimento (in conformità alle regole della borsa stessa) o che si stia investendo fuori borsa. La garanzia depositata potrebbe non essere più attribuita al cliente qualora vengano effettuate negoziazioni a suo nome. Anche se le negoziazioni del cliente dovessero portare dei profitti, è possibile che lo stesso non abbia indietro gli stessi asset depositati e sia costretto ad accettare un pagamento in denaro. È consigliato che il cliente verifichi con la società le modalità di trattamento della garanzia.
Commissioni e tasse
  1. Prima che i clienti inizino a fare trading devono informarsi su tutte le commissioni e gli altri conti a proprio carico. Se alcuni costi non sono espressi in termini monetari (ma, ad esempio, come percentuale del valore di un contratto), il cliente deve assicurasi di comprendere il loro reale valore monetario. Ad esempio, per l’apertura di una posizione su alcuni tipi di CFD, il cliente potrebbe dover pagare una commissione o una spesa di finanziamento, il cui importo è indicato sul sito web della società. Le commissioni possono essere addebitate in forma percentuale del valore complessivo dell’operazione o in misura fissa. Il valore delle posizioni aperte su alcuni tipi di CFD è aumentato o ridotto di un importo giornaliero di swap durante l’intera durata del contratto. Gli importi degli swap si basano sui tassi di interesse di mercato in vigore, e possono cambiare di volta in volta. Per tutti i tipi di CFD offerti dalla società, le commissioni e le spese di finanziamento non sono incluse nel prezzo quotato dall’azienda e vengono invece addebitate in modo esplicito sul conto del cliente.
  2. Vi è il rischio che le operazioni del cliente in strumenti finanziari, inclusi strumenti derivati, potrebbero essere o diventare soggette a tasse e/o altri adempimenti, per esempio a causa di modifiche legislative o della propria situazione personale. La società non garantisce che non vi siano tasse e/o altre imposte di bollo da pagare. Il cliente è responsabile del pagamento di tasse e/o imposte di bollo e/o costi e/o spese che potrebbero derivare dalle operazioni effettuate.
Sospensione del trading
  1. In certe condizioni di mercato, potrebbe essere difficile o impossibile liquidare una posizione. Questo può avvenire, ad esempio, in periodi in cui si verificano rapidi movimenti di prezzo, quando i prezzi salgono o scendono in una sessione di trading a tal punto che le negoziazioni vengono sospeso o sottoposte a restrizioni, in linea con le regole della borsa rilevante. L’inserimento di un ordine di stop loss non limiterà necessariamente le perdite all'importo definito, perché le condizioni di mercato potrebbero rendere impossibile eseguire tale ordine al prezzo indicato. Inoltre, in certe condizioni di mercato, un ordine di stop loss potrebbe essere eseguito a un prezzo peggiore rispetto al prezzo stabilito e le perdite potrebbero essere superiori a quanto previsto.

    Il prezzo della società per un determinato CFD viene calcolato facendo riferimento al prezzo dell’asset sottostante rilevante, che la società ottiene da fonti di riferimento esterne di terze parti. I prezzi della società sono consultabili sul sito web della stessa. Se il prezzo raggiunge un ordine come: stop loss, take profit, buy limit, buy stop, sell limit, sell stop, questi ordini verranno chiusi. Tuttavia, in determinate condizioni di trading, potrebbe non essere possibile eseguire gli ordini (di stop loss, take profit, buy limit, buy stop, sell limit, sell stop) al prezzo dichiarato dal cliente. Pertanto, tali ordini non sono in grado di limitare sempre le perdite del cliente in caso di condizioni di trading estremamente volatili, ad esempio, di un asset sottostante o di un prezzo di riferimento. In questo caso, l’azienda ha il diritto di eseguire l’ordine al primo prezzo disponibile. Questo può avvenire, come già indicato, in periodi in cui si verificano rapidi movimenti di prezzo, quando i prezzi salgono o scendono in una sessione di trading a tal punto che le negoziazioni vengono sospeso o sottoposte a restrizioni, in linea con le regole della borsa rilevante. Questo può avvenire anche all’apertura di una seduta di trading. Il livello minimo per l’inserimento di ordini di stop loss, take profit, buy limit, buy stop, sell limit e sell stop, per un certo CFD è specificato nelle Specifiche del contratto sul sito principale della società. In generale, la società pone una grande enfasi sulla qualità e il livello dei dati di prezzo che la società riceve da fonti esterne, per fornire ai clienti quotazioni competitive. La società non garantisce tuttavia che i prezzi quotati siano pari o migliori a quelli disponibili altrove.

Insolvenza
  1. La società adotta misure adeguate per assicurare gli asset e i diritti di proprietà del cliente in caso di insolvenza dell’azienda. Tuttavia, l'insolvenza o l'inadempienza della società potrebbe determinare la liquidazione o la chiusura di posizioni senza il consenso dei clienti. In alcuni casi, è possibile che non vengano restituiti gli asset depositati dal cliente come garanzia e il cliente potrebbe essere costretto ad accettare qualsiasi pagamento disponibile in denaro o qualsiasi altro metodo ritenuto appropriato.
  2. I fondi segregati saranno soggetti alle protezioni conferite dalla normativa vigente in materia. La società potrebbe detenere fondi segregati per conto del cliente in un conto segregato situato al di fuori dell’Unione europea, o trasferire il denaro detenuto per conto del cliente ad un intermediario, agente di regolamento o controparte OTC situata al di fuori dell’Unione europea. Il regime legale e normativo che si applica a tali soggetti sarà differente rispetto a quello dell’UE e, in caso di fallimento o altra procedura analoga nei confronti di tali soggetti, il denaro del cliente potrebbe essere trattato in maniera diversa rispetto al trattamento che si applicherebbe se il denaro fosse conservato in un conto segregato nell’UE. La società non sarà responsabile di solvenza, atti od omissioni di qualsiasi terza parte cui si fa riferimento in questo articolo.
  3. Tutti i fondi sono detenuti in conti segregati, separati dai fondi della società.

4. Rischio di terzi

Questa comunicazione è fornita in conformità alla normativa vigente.

  1. La società può trasferire il denaro ricevuto dal cliente a una terza parte (ad es. una banca, un mercato, un intermediario, una controparte OTC o una cassa di compensazione), perché lo conservi o lo controlli al fine di effettuare una transazione attraverso o con essa, o per soddisfare l'obbligo del cliente di fornire una garanzia (ad es. requisito di margine iniziale) per una transazione. La società non è responsabile di atti od omissioni di terzi a cui sono trasferiti i fondi ricevuti dal cliente.
  2. La terza parte a cui questa società trasferisce i fondi può conservarli in un conto collettivo. Potrebbe quindi non essere possibile separare i fondi del cliente, o quelli della terza parte. In caso di fallimento o altre procedure analoghe relativamente a detta terza parte, la società potrebbe vantare solamente un credito chirografo nei confronti della terza parte per conto del cliente, e il cliente sarà esposto al rischio che il denaro ricevuto dalla società, proveniente dalla terza parte, sia insufficiente a soddisfare le pretese del cliente in relazione al proprio conto. La società non si assume alcuna responsabilità per le perdite conseguenti.
  3. La società potrebbe detenere il denaro del cliente per conto del cliente stesso al di fuori dello SEE. Il regime legale e normativo che si applica a tali istituti di credito sarà differente rispetto a quello di Cipro e, in caso di fallimento o altra procedura analoga nei confronti di tali istituti di credito, il denaro del cliente potrebbe essere trattato in maniera diversa rispetto al trattamento che si applicherebbe se il denaro fosse conservato in un conto bancario cipriota. La società non sarà responsabile di insolvenza, atti od omissioni di qualsiasi terza parte cui si fa riferimento in questo paragrafo.
  4. La società può depositare il denaro del cliente presso un depositario, che potrebbe avere un diritto di ritenzione, pegno o compensazione in relazione a quella somma di denaro.
  5. Banche o broker attraverso cui questa società opera potrebbero avere interessi contrari agli interessi del cliente.

5.Gestione del rischio di mercato

  1. Il rischio di mercato è il rischio di perdite quando il valore degli investitori cala in un certo periodo di tempo in seguito a variazioni di natura economica o ad eventi che influenzano un’ampia fetta del mercato.
  2. Il rischio di mercato può essere diviso nelle seguenti categorie:

Rischio di posizione:si riferisce alla probabilità di perdita associata ad una particolare posizione di trading (lunga o corta) a causa di variazioni di prezzo.

Rischio di tasso di interesse:il rischio che il “fair value” dei flussi di cassa futuri di uno strumento finanziario oscillino a causa delle variazioni dei tassi di interesse di mercato.

Rischio di materie prime: si riferisce alle incertezze dei valori futuri di mercato e della dimensione del rendimento futuro, causato dall’oscillazione dei prezzi delle materie prime.Tali materie prime possono essere petrolio, metalli, gas, elettricità, ecc.

Rischio di cambio: si tratta di un rischio finanziario che sussiste quando una transazione finanziaria è denominata in una valuta diversa dalla valuta di base della società.Il rischio di cambio è gestito dalla società tramite la definizione e il controllo di limiti di cambio, ad esempio tramite la definizione di un valore massimo dell’esposizione ad una certa coppia valutaria, oltre che tramite l’utilizzo di analisi di sensibilità.

Scroll Top